Giovani, adorabili e… adottabili

Capita che in rifugio giungano dei cuccioli o comunque cani molto giovani. Non succede di frequente perchè Apaca preferisce promuoverne l’adozione senza l’ingresso in struttura, ma quando accade la vita del rifugio è spazzata da una ventata di allegria e di caos spensierato, che contagia anche i volontari a cui è chiesto, peraltro, un impegno ancora maggiore del solito.

Molti ricorderanno l’allegra cucciolata di setter e i due teneri fratellini meticci ospiti per alcuni mesi l’anno scorso, i quali sono stati tutti adottati in poco tempo.

Alice

Nell’ultimo periodo sono arrivati dei nuovi cuccioli, pronti a fare una festosa compagnia alla loro futura famiglia. Rey è un meticcio di dieci mesi, che da piccolo ha riportato una brutta frattura scomposta della tibia a causa di un incidente: Apaca, in collaborazione con una struttura veterinaria, lo ha fatto curare e salvato dal rischio di soppressione. Kira invece è una femmina di segugio nata in aprile, vivace e socievole con gli altri cani e le persone. In aprile è nata anche Alice, una cucciola mix pitbull, molto dolce, che avrà bisogno di muoversi parecchio ma anche di essere protetta da pressioni o stress psicologici.

A proposito di queste avvertenze, è utile anche capire quali siano i bisogni generali cui prestare attenzione quando si prende con sé un cane ancora giovane. Il senso di responsabilità verso il nuovo arrivato è ovviamente il principale aspetto dell’adozione, ma va di pari passo con l’analisi delle proprie abitudini, del proprio stile di vita e delle proprie motivazioni, che andranno a legarsi profondamente alla scelta del cane da adottare. È fondamentale quindi avere chiara consapevolezza nonsolo dello spazio ma soprattutto del tempo che deve essere dedicato all’animale, per poterlo conoscere e per seguire con cura e attenzione la sua educazione: un cucciolo infatti, soprattutto di pochi mesi, non ha ancora ricevuto tutti gli insegnamenti necessari a relazionarsi in modo corretto con le persone, gli altri cani e i luoghi dove vive e si muove. Insegnamenti che devono essere impartiti con pazienza e tranquillità, facendo in modo che il cane impari ad avere fiducia nell’umano e nell’ambiente che lo circonda, trovando un ruolo preciso all’interno del nucleo familiare.

Essendo in una fase in cui può essere più facilmente impulsivo, inquieto, con poco autocontrollo, il cucciolo o il cane giovane devono poter socializzare, abituarsi a vedere persone, posti, animali diversi e a stare insieme a loro senza paura, ansia o aggressività, sviluppando il comportamento sociale e la comunicazione intraspecifica.

Anche l’alimentazione va seguita con riguardo, seguendo i consigli di un medico veterinario.

Per i cuccioli del rifugio Apaca provvede ovviamente non solo alla microchippatura, ma anche alle vaccinazioni iniziali, che richiedono però dei richiami periodici e fornisce loro una prima educazione, finalizzata soprattutto alla socializzazione inter e intra specifica: la guida di un educatore cinofilo si rivelerà utilissima per tutto il resto e la frequentazione di qualche puppy class renderà il cuccicolo ancor più disponibile ed equilibrato.

I commenti sono chiusi.