Un cane eroe per la maturità

In queste giornate afose di inizio estate molti studenti italiani stanno affrontando il temuto esame di maturità. Si tratta di un passaggio fondamentale per i ragazzi: viene richiesto loro di dimostrare, attraverso lo studio e l’impegno, che sono pronti a incontrare la vita adulta e le sue responsabilità al di fuori della scuola

Anche Fiocco – che ha un po’ di golden nel suo Dna – saprebbe sicuramente aiutare uno studente!

Non è detto però che lo debbano fare da soli: meglio con il sostegno di qualcuno, la famiglia, gli amici, gli affetti e perché no, anche di un fidato compagno a quattro zampe. Il quale può venire in aiuto prima del grande salto, durante quell’esame degli esami che ti catapulta nel mondo dei “grandi”. È quanto accaduto in questi giorni all’Iti “Galileo Galilei” di Livorno, dove una studentessa si è presentata agli orali scortata da Wall-e, cagnone da soccorso… in tutti i sensi. Come riportano diverse testate on-line incuriosite dalla vicenda, la carriera scolastica di Serena B. è sempre stata difficoltosa, caratterizzata da blocchi e fatica a parlare in pubblico, soprattutto nel momento in cui doveva essere interrogata, situazione che in cinque anni non è mai riuscita a fronteggiare. Ma la studentessa ha voluto sostenere nel migliore dei modi il colloquio più importante e più spaventoso, e ha deciso quindi di chiedere una zampa a Wall-e, golden retriever in servizio presso la Scuola Italiana Cani Salvataggio di Firenze. I due si sono conosciuti in occasione di un progetto scolastico, “Bagnino a sei zampe”, instaurando una forte intesa durante le ore di esercitazione e di addestramento nella caserma dei vigli del fuoco, in piscina e in mare. Serena si sarebbe sentita molto più a suo agio in aula se accanto a lei ci fosse stato il cane con il quale aveva realizzato quel legame tanto speciale. Chiesto e accordato il permesso di avere vicino a sé Wall-e, la ragazza si è presentata davanti alla commissione e ha retto la prova orale con la calma e la forza che il suo supporto canino le infondeva grazie al solo fatto di essere lì assieme. Superando in modo brillante la sua maturità.

Chi sente che è complicato relazionarsi con le altre persone, spesso trova nella vicinanza dei cani maggiori empatia e accettazione, perché con loro non serve fare lunghi discorsi o dare spiegazioni, basta uno sguardo, un gesto per creare una connessione. Come quella che è nata fra Wall-e e Serena, “maturanda a sei zampe” che ha potuto tuffarsi nel mare dell’età adulta grazie all’amicizia con il suo cane bagnino.

I commenti sono chiusi