Cani insegnanti: sanno ascoltare i bambini più dei maestri

Elle, Sting, Belle, Bianca… sono i nomi di cani del tutto speciali che potrebbero far parte di una particolarissima squadra di supereroi. Questi infatti sono solo alcuni dei numerosi cani che svolgono il “lavoro” di read dog, ovvero cane da lettura.

Si tratta di un meraviglioso supporto che questi animali danno ai bambini che hanno difficoltà a leggere, a causa di problemi cognitivi, disabilità, timidezza. Imparare questa abilità può essere un ostacolo quasi insormontabile per alcuni bambini, ma è stato scoperto che leggere in compagnia di un quattro zampe li aiuta moltissimo a trovare la concentrazione e la calma necessarie a godersi la storia senza ansie o paura di sbagliare. I bambini infatti tendono ad instaurare con i cani un rapporto peculiare, di vicinanza e amicizia spontanee, che li fa sentire liberi e a loro agio. La pratica della lettura assieme a un read dog nasce proprio da questa bella relazione: il bambino legge ad alta voce per il cane che gli sta accanto e parlandogli e accarezzandolo si dimentica di dover per forza dimostrare di essere capace nella lettura. Il cane, dal canto suo, ascolta paziente e attento, incoraggiando la fiducia del piccolo lettore che non si sente mai giudicato o bisognoso di correzioni come quando viene seguito dai genitori o dagli insegnanti.

Chiaramente, il read dog non è un cane qualsiasi, viene addestrato da istruttori esperti e affiancato a conduttori anch’essi debitamente formati e aggiornati – che devono amare la lettura e i bambini, ma anche avere la qualifica di coadiutore del cane negli Interventi Assistiti con gli Animali-, affinché scuole, biblioteche e tutti gli altri ambienti dove essi operano possano attivare la lettura dei bambini insieme al cane garantendo sicurezza e professionalità.

Il progetto più importante a livello mondiale è quello del R.E.A.D.® (Reading Education Assistance Dogs), nato negli Stati Uniti vent’anni fa e giunto anche in Italia: R.E.A.D.® prepara e coordina i vari team del nostro paese, coppie affiatate di cani e umani pronti ad aiutare i bambini nel percorso spesso complicato verso lo sviluppo dell’amore per la lettura.

Chissà se un giorno anche uno dei cani ospiti di Apaca uscirà dal rifugio per diventare un read dog: immaginarlo disteso su un tappeto circondato da libri, assieme a un bambino che lo coccola raccontandogli una favola, è un pensiero che riempie di speranza e di allegria.

I commenti sono chiusi