La storia di un semplice spalatore…nei Racconti

Raccontare le esperienze con i propri cani per comprendere meglio se stessi. Il volontariato come momento alto dell’essere un semplice umano…

PDF

Storia di uno spalatore semplice

E’ strano come alcuni desideri della vita facciano giri strani e si presentino a te, magari dopo anni, con una chiarezza tale da farti capire che tutto quello che hai fatto e tutte le strade che hai percorso, ti hanno aiutato proprio ad arrivare li.

Per me è iniziato tutto su un social network. Su un social mi sono imbattuta nel musetto più bello e dolce che abbia mai visto in vita mia.

Dior, un simil pastorino dagli occhi nocciola che mi ha conquistato al primo sguardo. Quando l’ho visto mi sono venuti i brividi, ho iniziato a piangere, c’era qualcosa di magico in quegli occhietti, una sensazione che tuttora non riesco a spiegare razionalmente. Sono cresciuta con splendidi pastori tedeschi, quasi tutti di razza, rigorosamente acquistati. Il mio desiderio più grande è sempre stato quello di adottare un cane, e Dior è stato un segno per me, dovevo cogliere  quell’ occasione, ero pronta a fare quel passo.

Dopo aver seguito il classico iter preaffido è arrivato lui. Un meraviglioso mix di razze, che nel tempo si è allungato a dismisura ma che non ha mai perso quel suo sguardo dolcissimo. Con lui ho fatto del mio meglio credendo di saperne abbastanza e così, forte dell’esperienza con Dior, 5 mesi dopo è arrivato Billy. Billy era un cane altrettanto meraviglioso, dal soffice manto bianco, un’adozione del cuore in quanto fobico dell’essere umano e del mondo circostante.

 

I commenti sono chiusi