S.O.S. VETERINARI

Quando viene dato in adozione, il cane che è stato ospitato nel rifugio Apaca è sano, vaccinato e [simple_tooltip content=”La microchippatura è l’inserimento sottocutaneo di una piccola capsula – tecnicamente è un transponder – che emette un breve segnale se attivata da un apposito lettore, sul cui schermo compare un codice che identifica l’animale. E’ obbligatoria solo per i cani (in quanto finalizzata all’iscrizione all’Anagrafe canina), ma può essere praticata anche su gatti, furetti, conigli, iguane e pappagalli di grandi dimensioni, che, però, possono essere iscritti soltanto nel registro unico privato dell’Anagrafe Animale Privata Italiana”]microchippato[/simple_tooltip].
Per mantenerlo in buona salute è necessario:
–  consultare il veterinario di fiducia non appena l’animale dovesse presentare qualche sintomo anomalo o se si nota dimagrimento, inappetenza, vomito, eccessivo appetito o presenza di vermi nelle feci;
–  sottoporre il cane alle vaccinazioni obbligatorie contro il cimurro, l’epatite virale, la parvovirosi e la leptospirosi, nonchè alle ulteriori, eventuali vaccinazioni e profilassi che il medico veterinario dovesse consigliare;
–  rivolgersi, con urgenza, esclusivamente al medico veterinario più vicino nel caso di una sospetta intossicazione dovuta a ingestione o contatto con alimenti nocivi, piante e sostanze tossiche, esche e bocconi avvelenati.
E’, infine, indispensabile rivolgersi al medico veterinario quando il cane è a fine vita. L’eutanasia – che è un atto medico – può essere praticata solo se inevitabile e nell’interesse dell’animale ed il veterinario è il professionista a cui è demandato il compito di utilizzare le migliori tecniche per assicurare all’animale una morte rapida e senza dolore.


“L’amore per l’uomo non esclude quello per gli animali, e viceversa, perché l’amore non è mai fonte di separazione né di giudizio.
Chi ama, ama e basta. Chi ama e separa, non ha mai iniziato a farlo.”
Susanna Tamaro – scrittrice italiana

I commenti sono chiusi