L’assicurazione

Guide praticheL’art. 2052 c.c. dispone che il proprietario di un animale è responsabile dei danni cagionati dall’animale, sia che fosse sotto la sua custodia, sia che fosse smarrito o fuggito, salvo che provi il caso fortuito.

La Corte di Cassazione, con sentenza n.12307/1998, ha chiarito che la responsabilità è oggettiva, “fondata non sulla colpa, ma sul rapporto di fatto con l’animale. Ne consegue che al proprietario dell’animale che ha causato il danno, per andare esente da responsabilità, non è sufficiente fornire la prova negativa della propria assenza di colpa, ma deve fornire la prova positiva che il danno è stato causato da un evento fortuito (cioè imprevedibile, inevitabile, assolutamente eccezionale)”.

In montagna
Per chi frequenta la montagna con il proprio cane, è di sicuro interesse la polizza ‘AMICO FEDELE’ messa a disposizione da Dolomiti Emergency Onlus.
Con un premio annuo di pochissimi euro, la polizza copre le spese sostenute per il soccorso ed il trasporto del cane che accompagna il socio di Dolomiti Emergency e vale sia in caso di soccorso prestato al socio, sia in caso di lesioni fisiche al solo cane. Sono, inoltre, previste alcune centinaia di euro all’anno di rimborso per le spese veterinarie sostenute per la cura del cane infortunato.

Il proprietario del cane è chiamato al risarcimento dei danni a cose, a persone o ad altri animali non solo nel caso in cui i danni siano derivati da un comportamento attivo del cane, ma anche quando il danno è derivato da un avvenimento collaterale legato alla conduzione del cane.

L’obbligo per il proprietario del cane di dotarsi di una copertura assicurativa è previsto in caso il cane abbia manifestato precedenti episodi pericolosi, ma è di tutta evidenza che, per non essere chiamati personalmente a rispondere dei danni prodotti dal cane di proprietà, una polizza assicurativa sia assolutamente consigliabile.

La più comune forma di tutela è contenuta nella polizza del capo famiglia o nei prodotti assicurativi multirischio riferiti alla casa, che coprono anche la responsabilità civile verso terzi. Esistono, poi, prodotti assicurativi specificatamente destinati alla tutela di danni per morte, lesioni personali, rottura di cose, per danni inerenti la proprietà e il possesso di cani, compresa la responsabilità delle persone che si occupano temporaneamente di custodire gli animali. Alcune compagnie offrono, infine, polizze che coprono anche le spese di interventi chirurgici, le spese veterinarie sostenute a seguito di incidenti o malattia e le spese per tutela giudiziaria.

Il costo spesso contenuto di molti prodotti assicurativi (che partono da circa 20-30 euro all’anno) e la vasta gamma di opportunità offerte permettono ad ogni proprietario di garantirsi la copertura assicurativa adeguata per il proprio cane.

 

Ritorna a GUIDE PRATICHE


“Nessun uomo può sopportare il biasimo di un cane”
(Christopher Morley – scrittore statunitense)

I commenti sono chiusi