Grazie a Ida Troian e ai suoi eredi per la donazione al canile

Un paio di settimane fa, Fabio, Maurizio, Maria, Maria Angela, Mario, Oscar e Marina Troian e Ivo e Federica Fontana (nella foto insieme alla prozia) hanno onorato le volontà della loro congiunta, scomparsa il 15 marzo dell’anno scorso, devolvendo ad Apaca il legato che la sig.ra Ida Troian aveva disposto in vita a favore dei cani del rifugio.

Ida Troian e Federica Fontana, che ci raccontato il grande amore della prozia per gli animali

“E’ stato un bellissimo gesto – dice la presidente di Apaca, Paola Lotto – di cui ringraziamo tutti gli eredi, che, senza eccezioni, hanno onorato l’atto di amore e sensibilità verso esseri che erano nel cuore della sig.ra Troian.”

La sig.ra Ida, dopo moltissimi anni trascorsi nella Svizzera tedesca, dagli anni Ottanta del secolo scorso ha vissuto a Sospirolo in via Col Molin. Come d’uso nella campagne, lei e il marito si sono sempre attorniati di animali, ma non hanno mai ucciso nessuno dei conigli, dei fagiani o dei colombi che vivevano nella loro casa: una sensibilità rara per una generazione che aveva vissuto tutto il secondo conflitto mondiale, gli stenti del dopoguerra e le fatiche dell’emigrazione. Per molti anni ha coltivato l’hobby della pittura e della scultura, realizzando opere soprattutto a tema religioso, che, per modestia, raramente firmava. Ida non ha mai rinunciato alla compagnia dei cani e, negli ultimi anni di vita, dei gatti: e ai cani sfortunati di Apaca – che conosceva grazie a internet, ma che non aveva mai visto- ha voluto riservare un lascito, che l’Associazione impiegherà per migliorare il loro benessere.

I commenti sono chiusi