Da Teramo a Belluno: ricercatrici dell’IZSAM in rifugio

Nella mattinata di oggi, due ricercatrici del Laboratorio Relazione Uomo-Animale e Benessere Animale dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e del Molise sono state ospiti del rifugio APACA , che fa parte del gruppo di canili italiani reclutati per l’applicazione del protocollo “Shelter Quality”, sviluppato dal Laboratorio abruzzese in collaborazione con lo spagnolo Institut de Recerca i Tecnologìa Agroalimentarias della Catalogna.

Il protocollo
Protocollo “Shelter Quality”. Riassunto delle misure di benessere basate sugli animali, quelle gestionali e quelle strutturali, associate ai relativi criteri e principi di benessere.

Il progetto di ricerca è finanziato dal Ministero della Salute e propone un protocollo innovativo al sistema di valutazione del benessere canino. La Commissione Europea, nella strategia per il benessere animale 2012-2015, ha posto, infatti, l’esigenza di individuare indicatori di benessere scientificamente validi e in grado di effettuare una valutazione diretta del benessere: in sostanza, una valutazione che deve scaturire dalla valutazione degli animali e non, come avviene tradizionalmente, dalla valutazione delle strutture in cui gli animali sono alloggiati.

Il protocollo “Shelter Quality” diventa, quindi, uno strumento prezioso a disposizione di autorità, gestori di canili e associazioni protezionistiche per ottenere informazioni non solo rilevanti per capire la qualità di vita degli animali, ma anche utili per favorirne l’adozione. In questo momento, si sta lavorando all’elaborazione di un sistema di classificazione standardizzato in grado di mappare lo stato dei canili e valutare la qualità di vita dei cani ospitati: APACA è tra i 60 canili italiani che collaborano a questa fase della ricerca.

La dott.ssa Greta Berteselli, medico veterinario specializzata in Etologia e Benessere Animale e responsabile del progetto, ha testato 29 dei 38 cani attualmente ospitati  ed ha, inoltre, consegnato ai responsabili dell’associazione un questionario destinato ai volontari che operano in rifugio: un ulteriore obiettivo della ricerca è, infatti, la comprensione della tipologia di relazione che si instaura tra gli operatori e i cani, approfondendo aspetti di rilevanza sociale e sanitaria nell’ambito del volontariato a stretto contatto con gli animali.

Del progetto “Shelter Quality” si parlerà agli Stati Generali sul Benessere animale che il Ministero della Salute ha convocato a Roma il 13-14-15 aprile 2016.

I commenti sono chiusi