Cani in spiaggia ai tempi del Covid

Nonostante questa del 2020 sia sicuramente un’estate anomala, non sembra vi sia una generale rinuncia alle vacanze e ai viaggi anche insieme agli amici a quattro zampe e soprattutto in direzione del mare, per godersi qualche giornata di sole passata ad ammirare l’orizzonte luminoso tra acqua e cielo, giocando o passeggiando con il proprio cane.

Ma quest’anno si dovranno rispettare nuove normative legate ad una fase dell’emergenza sanitaria che ha allentato la tensione del primo periodo ma non per questo ha abbassato la guardia. Restano validi ovviamente i regolamenti istituiti gli anni scorsi per il normale accesso alle spiagge per cani: uso di guinzaglio e museruola, obbligo di vaccinazioni e microchip, essere attrezzati per la pulizia dei bisogni del proprio cane, rimanere nelle aree riservate, osservare gli orari di accesso e i turni per entrare in acqua, non superare il numero previsto di animali che è possibile portare in spiaggia, non disturbare la quiete pubblica. Molte regole insomma sono basate sul senso di responsabilità e sulla sensibilità civica dei proprietari che raggiungono i luoghi di vacanza insieme ai loro cani.

Quali sono invece le novità che si aggiungono a queste regolamentazioni per entrare in spiaggia in sicurezza? Innanzitutto la possibilità, certo privilegiata in questo periodo, di prenotare gli spazi, opportunità offerta anche online attraverso i portali internet o utilizzando le app che alcune località hanno creato appositamente a questo scopo. A ciò si aggiungono le linee guida, come quelle riportate nell’Ordinanza del 13 giugno 2020 della regione Veneto, relative agli accessi a stabilimenti balneari e spiagge, anche nel caso in cui vi si entri con un cane. Per quanto riguarda i frequentatori delle spiagge, le linee guida sottolineano la necessità del distanziamento sociale e del controllo del livello di igiene, indicano che è necessario evitare di creare assembramenti e suggeriscono di adottare comportamenti corretti anche sulla spiaggia libera, mantenendo la distanza di sicurezza e cercando di non ostacolare gli interventi di pulizia e disinfezione degli addetti ai servizi.

Un occhio di riguardo in più per le buone pratiche con le quali stiamo iniziando a convivere permetterà sicuramente di godersi il sole, le nuotate, i giochi sulla sabbia e i riposini sul lettino in compagnia del proprio cane, per prendersi una vacanza anche dalle preoccupazioni che si stagliano sullo sfondo di questa strana estate del 2020.

I commenti sono chiusi