Adottato Nerone, un cane che aveva conosciuto solo una stanza

Quando ha scritto la presentazione per la bacheca degli adottabili, Valentina ha fatto dire queste parole a Nerone: “Faccio parte dei cinque pelosi che vivevano insieme senza contatti se non con l’anziano proprietario, e perciò siamo cresciuti paurosi, diffidenti, insicuri e sospettosi. Poi ci hanno portati qua: non ci capivamo più niente e ognuno di noi ha reagito a modo suo. Io, per esempio, ho deciso che era meglio abbaiare sempre per tenere lontano i malintenzionati e non farli avvicinare mai. Abbaiare e scappare via, strategia vincente! Ma qui abbiamo trovato gente più cocciuta di noi, a quanto pare. Gentili, ma decisi. Beh, un po’ alla volta, mi hanno fatto capire che non mi succedeva niente se li lasciavo avvicinare. E addirittura toccarmi. Anzi! Ragazzi, mi si è aperto un mondo. Non solo adoro quelle loro coccole e carezze, ma mi rilassano tanto che quasi mi abbiocco! Ma poi, udite udite, mi portano fuori, in passeggiata! E dire che io non ne volevo sapere di quel guinzaglio… Un mondo di odori, c’è, là fuori, e di cose da vedere e da esplorare! Quanto mi sono perso finora!”

Un mondo che ora esplorerà ogni giorno insieme a Laura. Dopo dieci mesi dal suo arrivo in rifugio – dalla detenzione che abbiamo detto – Nerone ha, infatti, trovato chi ha deciso di adottarlo. E non è stata una scelta tra tanti candidati, ma un amore a prima vista, perchè Laura ha incrociato subito i suoi occhi e non ha avuto dubbi su chi sarebbe stato il suo compagno di vita per i prossimi anni. E’ così che Nerone, sette anni e un carattere mite, vivrà in una casetta accogliente alla periferia di Belluno, dormirà sempre in casa e seguirà ovunque Laura, che non lo lascerà neanche d’estate, dato che ha in programma una vacanza al mare con lui: e per un cane che nella sua vita aveva conosciuto solo una stanza, sarà di certo una grande emozione la vista di quell’orizzonte lontano.

I commenti sono chiusi